Serie A1 Softball, il resoconto completo della 5^ giornata di ritorno

Fibs. Finalmente, è proprio il caso di dirlo, un fine settimana senza condizionamenti meteo e con il programma portato a termine, per la Serie A1 di softball, che delinea ancora più chiaramente le gerarchie. Con lo Specchiasol Bussolengo già aritmeticamente tra le prime quattro (presto arriverà anche il momento della cristallizzazione del primo posto), che sono, anche in questo caso abbastanza chiaramente, Bussolengo, appunto, Forlì, Bollate e Saronno, la lotta per non occupare l’ultima posizione è invece piuttosto fumosa.

Fibs. L’ultimo turno ha dato ossigeno a Collecchio e Tecnolaser Europa Pianoro, che hanno impattato la sfida, rispettivamente con Saronno e Poderi Dal Nespoli Forlì, mentre Bussolengo, MKF Bollate e Metalco Thunders Castellana hanno ottenuto il bottino pieno.

È netta l’affermazione dell’Inox Team Saronno in gara 1 contro Collecchio, quando in pedana si sono sfidate Alice Nicolini e Alessia Zavaroni. La squadra di Giovanna Palermi ha conquistato un 6-0 ampio, costruito ripresa dopo ripresa, partendo dai 2 punti iniziali firmati Fabrizia Marrone (singolo) e Alessandra Rotondo (base ball) su un errore difensivo provocato da una battuta sulla terza base di Lisa Birocci. Con la partita in discesa il terzo punto lo segna Giulia Longhi al terzo, anche in questo caso con la complicità della difesa collecchiese. Solo in un caso, con il punto del momentaneo 5-0, segnato al sesto, non c’è lo zampino di un errore nei punti realizzati dal Saronno.
Registrata la difesa, che non commette errori, il Collecchio, con Danielle Stiene in pedana contro Aimee Creger, si riscatta in gara 2 e, pur realizzando solo 2 valide (contro 6 del Saronno) capitalizza l’unico errore del Saronno e segna, addirittura su uno strike-out che, perso dal catcher con conseguente errore di tiro, sarebbe stato addirittura il terzo out. Finisce 1-0 e sfida pareggiata.

L’altro pareggio di giornata è quello tra Tecnolaser Europa Pianoro e Poderi Dal Nespoli Forlì. Vittoria (la tredicesima stagionale in pedana per Ilaria Cacciamani) in gara 1 per il Forlì, che rimonta da un parziale iniziale negativo di 0-4 in tre riprese. Il finale dice 5-4 per le ragazze di Calixto Soca Miyar, dopo un inning di tie-break. Il vantaggio iniziale di Pianoro sfrutta un singolo di Eva Trevisan e due errori della difesa romagnola. Poi al terzo sono i singoli, ancora di Eva Trevisan, di Ambra Collina e Giulia Ferrari a dare alla squadra allenata da Marina Centrone un cospicuo vantaggio. La rimonta di Forlì inizia con un punto al quarto e viene completata da un fuoricampo da 3 punti di Beatrice Ricchi al sesto. Si va agli extra-inning e con Lisa Maulden in seconda è il capitano della nazionale italiana, Erika Piancastelli a battere un singolo al centro che vale la vittoria.
In gara 2, Sarah Pauly, dopo la no-hit della sera prima, subisce un tremendo primo inning con 3 punti per effetto di ben 5 valide e va sotto 3-0. Apre Giulia Mattioli con un bunt valido, poi singolo di Eva Trevisan, bunt valido di Priscilla Brandi e singolo (per il primo RBI) di Luna Oliveti; infine un altro singolo di Ambra Collina porta a casa altri due punti. A poco serve il punto segnato da Elda Ghilardi, il finale dice 3-1 per Pianoro.

Lo Specchiasol Bussolengo non dà scampo alla Rheavendors Caronno e vince entrambe le partite con un divario abbastanza netto: primo match conquistato 7-0 dopo 6 riprese. Unico inning in cui la squadra allenata da Craig Montvidas il quarto. Per il resto l’attacco veronese è sempre produttivo, con 10 valide totali a iniziare da un singolo di Elisa Princic alla prima ripresa. Al terzo le campionesse d’Italia danno lo scossone definitivo e segnano 3 punti, partendo dalle valide di Gretchen Aucoin ed Elisa Princic (3 su 3 con 1 punto segnato e 2 RBI).
Nella seconda partita la Rhea si porta immediatamente in vantaggio con un doppio di Chiara Ambrosi, che spinge a casa Francesca Rossini (salva per scelta difesa), ma è un avvio al quale Caronno non dà seguito. Al secondo Bussolengo passa in vantaggio con un singolo di Sara Cianfriglia e una palla mancata. Cianfriglia segnerà anche il punto del definitivo 4-1: in mezzo, il 3-1 momentaneo è firmato da Britt Vonk, spinta a casa da una valida lungo la linea di foul di destra di Nerissa Myers.

Non c’è storia nella sfida di Bollate tra MKF e Caserta, ultima della graduatoria. Le ragazze di Luigi Soldi vincono entrambe le partite segnando 7 punti. Nella prima partita finisce 7-1 con Laura Bigatton che tiene tutta la partita in pedana contro, prima Giorgià Telò e poi Benedetta Scotto. Subito in vantaggio Bollate con un triplo di Amanda Fama e il punto battuto a casa da Maida Micheloni, il Caserta pareggia al terzo con una sequenza simile: triplo di Benedetta Scotto e poi singolo di Aroha Hibbertova. Torna in vantaggio Bollate al quarto ed è ancora Amanda Fama a segnare (singolo, più errore più valida di Linda Leonesio) e poi prende il largo tra quinto e sesto inning, sempre con Fama sugli scudi (chiuderà a 3 su 3 con 3 punti segnati).
Nella seconda partita bastano 4 riprese e mezza per arrivare al 7-0 finale, firmato da Greta Cecchetti che chiude con una mezza partita perfetta: nessuno dei battitori campani, infatti, arriva in base e sono 9 gli strike-out del lanciatore azzurro. Due tripli (di Taylor Glover ed Elisa Cecchetti) al primo inning, un doppio della stessa Elisa Checchetti (sarà lei in questa partita a chiudere a 3 su 3 con un punto e 5 RBI) al secondo e un totale di 6 valide di squadra danno al Bollate la seconda facile vittoria.

Completa la doppietta anche il Metalco Thunders Castellana, nella sfida casalinga contro il Taurus Donati Gomme Old Parma. Grande equilibrio nella prima partita, che le venete vincono 5-4 con un walk-off sacrifice-fly di Noemi Giacometti, con Carlotta Salis in pedana per l’intera partita. Castellana subito in vantaggio con un triplo di Stephanie Texeira, un doppio di Chayanne Tarango e uno squeeze di Sofia Fabbian, che poi, al sesto, segna anche il punto del 3-0 sfruttando un errore difensivo. Parma crede nella rimonta e nella parte alta del settimo inning segna ben 4 punti che consentono il sorpasso: un errore difensivo, una base ball e 4 valide (Slawitz, Edwards, Melassi e Fattori) danno alla formazione di Longagnani l’illusione. Poco dopo Sofia Cecchin e Stephanie Texeira aprono con due valide, poi Ablondi mette in base Tarango (intenzionale) e Fabbian che spinge a casa il pareggio e poi arriva la volata di Giacometti per la vittoria.
In gara 2 Parma apre con un solo-homer di Elena Slawitz e sembra un altro match in equilibrio, invece le gialloblù non mettono a frutto un triplo di Sara Edwards e le Thunders poi prendono il largo partendo da un primo inning da 3 valide e 3 punti. Alla fine il risultato sarà 11-1 dopo 3 riprese e mezzo, con 11 valide concesse da Alice Ghillani e i tripli di Noemi Giacometti e Sofia Fabbian che, al terzo, mettono il sigillo.

RISULTATI, CLASSIFICA E STATISTICHE

Il ritardo nel completamento del calendario, dovuto ai tanti rinvii di inizio stagione impone un calendario serrato, è per questo che, anche nei prossimi giorni si scende in campo senza soluzione di continuità.
Si ricomincia martedì 4 giugno, con il recupero della prima di ritorno tra MKF Bollate e Taurus Donati Gomme Old Parma (a Ospiate alle 17.00 e poi dopo 45 minuti dal termine di gara 1), ma anche con il recupero di gara 2 della terza giornata di ritorno tra Collecchio e Tecnolaser Europa Pianoro.
Si proseguirà giovedì 6 giugno, immediatamente alla vigilia della sesta di ritorno, quando il Collecchio tornerà in campo in casa contro l’MKF Bollate per il recupero della seconda di ritorno (alle 18.00 e poi dopo 45 minuti dal termine di gara ); nell’ambito della medesima giornata ci saranno anche le due sfide di medio bassa classifica tra Taurus Donati Gomme Old Parma  e Rheavendors  Caronno e Tecnolaser Europa Pianoro e Metalco Thunders Castellana.

Rispondi