Qual è il futuro dei nostri sport secondo la Fibs?

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
diErminio Tibaldi.
Free Lance MGDB writer

Per i nostri amati sport sembra delinearsi il percorso per l’anno 2018 e si intravede qualche nube all’orizzonte. Nei mesi passati abbiamo assistito ad una forte polemica tra vertici federali e le società facenti parte della prima serie. Perdonate il termine “prima serie” ma IBL mi suona antico e A1 ancora da divenire.

Inizialmente il malumore sembrava relegato in alto ma ad oggi forse non è più così. Formula campionato A1 elaborata dalla Fibs e mal digerita dalle società. Serie A2 rivista e corretta, presentata e fatta votare all’oscuro della composizione dei partecipanti e alla fine mal digerita dalle società. Serie B rivista e corretta con gironi molto più onerosi rispetto al passato e mal digerita dalle società. Di questi giorni l’ultima notizia, l’uscita dal Premier 12 della WBSC della nostra ITALIA. E questa sinceramente la digeriamo male tutti, credo anche il signor Marcon e i suoi consiglieri. Nascono alcune ovvie considerazioni. E’ chiaro per tutti che questo provoca un importante mancato introito nelle casse FIBS e cosa ancor più grave una GRANDE complicazione per la nostra qualificazione ai Giochi Olimpici di Tokio 2020. Tanta attenzione al bilancio federale per poi dimenticare che fare attività internazionale avrebbe mantenuto la nostra ITALIA nel primi 12 del ranking WBSC consentendoci di partecipare al Premier 12? In merito ai campionati il presidente Marcon ha asserito a mezzo stampa che stabilire la formula dei  tornei spetta ai vertici FIBS e di conseguenza anche la programmazione delle Nazionali. Tutti noi appassionati di questo spot abbiamo bisogno di avere una guida che sia imparziale, onesta, ma soprattutto COMPETENTE. Con tutto il rispetto per Riccardo Fraccari e Andrea Marcon mi chiedo quando torneremo ad avere un presidente e dei consiglieri espressione delle società, persone che abbiano esperienza nella gestione di qualcuna di esse e che quindi approccino i problemi con cognizione di causa? Quando avremo la possibilità di dialogare sui temi importanti che riguardano il movimento senza avere imposizioni arbitrarie in ragione di chissà quale “bene del movimento”? Quando avremo chiara la strategia della nostra Federazione circa i temi fondamentali di softball e di baseball? Quando leggeremo il documento programmatico che elenca i punti chiave per la ripresa dei nostri sport? E infine, per riprendere il titolo, cosa prevede per in nostro FUTURO l’attuale Fibs? Se qualcuno intravede in queste righe voglia di polemica si sbaglia di grosso. Le mie domande sono comuni tra tutti coloro che adorano questo sport, esattamente come me. Erminio Tibaldi. Free Lance MGDB writer

Rispondi