Ecco il progetto presentato dalle società dell’Italian Baseball League ai vertici della Federbaseball

Le otto società partecipanti al campionato Ibl hanno presentato nel pomeriggio di giovedi ai vertici della Federazione Italiana Baseball e Softball il progetto eleborato e condiviso per il massimo campionato nel triennio 2018-2020.

Dopo l’incontro con le istituzioni le società dell’Italian Baseball League hanno inviato copia del progetto alle agenzie di stampa.

Pensiamo di fare cosa gradita ai nostri lettori riportando integralmente il testo del programma.

Buona lettura a tutti.

Premesse:

Il massimo campionato di baseball nazionale, formato oggi da 8 squadre, DEVE essere un prodotto appetibile per i portatori di interesse.

Chi sono i portatori di interesse?

Questi possono essere individuati in prima approssimazione in:

  • Società sportive (che partecipano o che hanno intenzione di partecipare alla IBL)

  • FIBS

  • Atleti e Tecnici

  • Sponsor

  • Supporters

  • Comunità

  • Società che svolgono attività giovanile

  • ____________________

Inoltre deve essere un campionato che per durata e regole sia economicamente sostenibile, di qualità elevata, competitivo – nel medio periodo – per tutti i partecipanti.

Di seguito illustriamo sinteticamente: gli obiettivi dei portatori di interesse;

Obiettivi

Gli obiettivi, talvolta differenti per ogni singola tipologia di portatore di interessi, possono essere sinteticamente individuati in:

Società sportive (che partecipano o che hanno intenzione di partecipare alla IBL):

  • Sostenibilità economica;

  • Programmazione a medio termine;

  • Norme che diano la possibilità a tutti di essere competitivi;

  • Incrementare l’interesse intorno al campionato e alle singole società;

  • Essere più appetibili per eventuali nuovi sponsor tramite progetti di marketing e di visibilità;

  • Recuperare le piazze storiche che da anni non partecipano al massimo campionato;

  • Ampliare il numero delle partecipanti con bacini di utenti importanti.

Federazione

  • Fornire un campionato che prepari gli atleti a primeggiare nelle competizioni internazionali, con particolare attenzione alla qualificazione Olimpica;

  • Aumentare la diffusione del baseball al fine di incrementare il numero di tesserati (difesa delle quote);

  • Avere una vetrina spendibile verso i media e gli appassionati;

  • Creare un campionato di qualità e d’interesse tale da stimolare le ambizioni dei giovani atleti.

Atleti e Tecnici

  • Esprimersi a livelli tecnici omogenei al fine di evidenziare le capacità e le qualità di ciascuno, ciò anche ai fini retributivi nonché alla potenziale attrattività per le squadre nazionali;

  • Avere un parametro tecnico con cui confrontarsi.

Sponsor

  • Raggiungere un livello di diffusione del proprio marchio adeguato agli investimenti effettuati;

  • Visibilità e interesse da parte di media e del pubblico;

  • Legare il proprio brand a progetti socio-sportivi che incrementano la percezione positiva del marchio;

Supporters

  • Gare mediamente attrattive e non troppo lunghe;

  • Avere a disposizione impianti nei quali siano disponibili i servizi base (sanitari, ristorazione, merchandising, visione del campo di gioco ottimale,…);

  • Seguire le partite anche fuori casa tramite radio, streaming etc.etc.;

  • Fornire agevolazioni organizzative ed economiche per sostenere la propria squadra in trasferta (specie nelle fasi finali);

  • Fidelity operation.

Comunità

  • Creare un senso di appartenenza della squadra al territorio e viceversa;

Società che svolgono attività giovanile

  • Vedere nelle società di IBL un punto di arrivo per i propri atleti di maggior valore tecnico;

  • Creare sinergie con le società di IBL sotto il profilo tecnico, commerciale, di immagine, etc.

Come contribuire con la formula della IBL al raggiungimento degli obiettivi?

Per poter rispondere alle diverse esigenze occorre che la formula del campionato di IBL sia rispondente ai seguenti principi cardine:

  • Durata della stagione compresa tra le 20 e le 24 settimane (compresa pausa European Cup) senza interruzioni per manifestazioni internazionali;

  • Parità di opportunità per ciascuna compagine: un campionato, una “velocità”, uguale per tutti;

  • Disputa di un adeguato numero di gare settimanali;

  • Regole condivise per l’utilizzo di giocatori stranieri, comunitari, italiani, ASI e AFI.

Inoltre, al fine di permettere una programmazione nel medio termine alle società, la IBL:

  • E’ una categoria aperta, chiunque può chiedere di essere ammesso;

  • Si accede secondo regole che tengano in considerazione il progetto sportivo e gestionale della società;

  • L’ammissione di nuove compagini deve comunque garantire un numero pari di partecipanti onde evitare pause forzate durante la stagione;

  • Non si applica la regola della retrocessione;

Meccanismo di ammissione di società al campionato di IBL

Premesso che al momento non vi sono le condizioni per attuare il meccanismo delle promozioni e retrocessioni alla IBL,

  • Le società che vorranno partecipare al campionato IBL dovranno esporre, attraverso la predisposizione di un documento di pianificazione, il progetto redatto sia in termini economici che delle altre variabili, deve essere finalizzato al raggiungimento degli obiettivi comuni.

  • Particolare attenzione deve essere prestata al bacino di utenti potenziali, identificato nel rispetto congiunto dei seguenti parametri:

    • Ciascuna compagine non potrà avere il proprio impianto di gioco ad una distanza inferiore a 25 Km dagli impianti di gioco utilizzati dalle attuali compagini che partecipano alla IBL;

    • Ciascuna compagine dovrà servire un bacino di abitanti residenti di almeno ottantamila unità.

    • La partecipazione al campionato IBL di più società che attingono allo stesso bacino, rappresenta un fattore di negatività per la tutela del progetto e dell’interesse comune.

  • Alla presentazione del progetto, da parte della società aspirante (il cui modello base è predisposto dalle società firmatarie del presente documento), le società che formano la IBL, si riuniscono e votano circa l’ammissione della nuova squadra.

  • Per l’ammissione al campionato IBL, il progetto della società richiedente, dovrà ottenere il voto favorevole superiore al 66% delle società partecipanti al campionato IBL, ove la richiesta sia effettuata da società che non interferisce con il bacino di utenza di alcuna società di IBL.

  • Il voto favorevole non necessita di alcuna motivazione mentre il voto contrario deve essere motivato (Modulo votazione contraria) in termini di rilievi alla domanda di partecipazione.

  • In caso di ottenimento di un favore pari o inferiore al 50% la richiesta è comunque rigettata.

  • In caso di ottenimento di un voto favorevole superiore al 50% ma inferiore al 66%, la società richiedente l’ammissione dovrà fornire chiarimenti ai rilievi posti nei pareri contrari espressi dalle società di IBL; detti chiarimenti, che integrano il documento di pianificazione presentato, saranno nuovamente sottoposti a votazione.

  • Anche in questa seconda votazione si dovrà rispettare il quorum favorevole del 66% (una maggioranza qualificata).

  • Per l’ammissione al campionato IBL di un’ulteriore squadra che opera nello stesso bacino di utenti potenziali di una già esistente, il progetto della società richiedente dovrà ottenere un voto favorevole superiore al 66% delle società partecipanti al campionato di IBL e, obbligatoriamente, il voto favorevole della/delle società che opera/operano nel medesimo bacino.

Definizione Atleta ASI e AFI

  • Definizione di Atleta AFI:
    • Atleta di cittadinanza italiana che ha giocato per almeno quattro anni nelle categorie giovanili (ragazzi – U18)
  • Definizione di Atleta ASI:
    • Atleta di cittadinanza italiana che ha giocato per almeno sei anni in Italia e non rientra nella categoria degli AFI (Tale Status NON sarà più concesso a partire dal 1 gennaio 2018)

  • Definizione di Atleta Italiano:

    • Atleta di cittadinanza italiana

  • Definizione di Atleta Comunitario:

    • Atleta che è cittadino di un paese della comunità europea e che NON necessita di regolare visto di lavoro subordinato sport.

  • Definizione di Atleta Straniero:
    • Atleta che non è né cittadino italiano né cittadino comunitario che necessita di regolare visto per lavoro subordinato sport.

Analisi atleti Campionato IBL 2017

Dall’esame della composizione dei roster delle squadre che hanno partecipato al Campionato di IBL 2017 risulta una distribuzione degli atleti secondo la seguente classificazione:

  • Lanciatori
    • 28 italiani AFI
    • 9 ASI (non AFI)
    • 21 stranieri e comunitari (sostituzioni comprese)
  • Di posizione
    • 72 AFI
    • 3 ASI non AFI
    • 16 potenziali ASI (non AFI)
    • 19 stranieri e comunitari (sostituzioni comprese)

Regole di utilizzo degli atleti

  • Almeno N. 5 AFI nel Line Up (10 posizioni dh e lanciatore compresi)
  • 2018 N. 1 partita riservata ai lanciatori ASI (stessa regola del campionato 2017)
    • 2019-2020 N. 1 partita riservata ai lanciatori italiani
  • N. 2 partite lanciatori liberi (campionati a tre partite settimanali)
  • N. 1 partita lanciatori liberi (campionati a due partite settimanali)
  • Apertura finestra per tesseramenti e prestiti
  • N. 5 visti a disposizione (campionati a tre partite settimanali)
    • Massimo 3 in campo compreso il lanciatore
  • N. 4 visti a disposizione (nei campionati a due partite settimanali)
    • Massimo 3 in campo compreso il lanciatore
  • Prevedere un n° di tagli/sostituzioni per gli stranieri

Formula del campionato

Campionato a 10 squadre come stabilito dalla CAA 2017:

  • Girone UNICO, andata e ritorno, 2 gare settimanali nelle giornate di venerdì e sabato.

Con tale formula TUTTE le squadre disputano 36 partite di regular season in 19 settimane, totale 24 settimane.

  • Al termine della Regular Season le prime quattro classificate si incontrano in semifinale al meglio delle 5 gare, le vincenti disputeranno la finale, sempre al meglio delle 5 gare, per la conquista del titolo.

La durata complessiva della stagione è di 24 settimane: 18 di regular season, 1 di pausa European Cup, 2 di Play Off, 2 di Finali ed 1 di Final Four di Coppa Italia.

Campionato a 8 squadre:

  • Girone UNICO, andata e ritorno, 3 gare settimanali nelle giornate di venerdì e sabato, con facoltà di giocare anche al giovedì o la domenica.

Con tale formula TUTTE le squadre disputano 42 partite di regular season in 15 settimane, totale 20 settimane.

  • Al termine della Regular Season le prime quattro classificate si incontrano in semifinale al meglio delle 7 gare, le vincenti disputeranno la finale, sempre al meglio delle 7 gare, per la conquista del titolo.

La durata complessiva della stagione è di 20 settimane: 14 di regular season, 1 di pausa European Cup, 2 di Play Off, 2 di Finali ed 1 di Final Four di Coppa Italia.

Coppa Italia: Formula

La vincitrice ACCEDE alla European Cup

  • Campionato a 10:

    • la 9^ e la 10^ classificate nel campionato non si qualificano;

    • 1^ Fase eliminazione diretta tra 5-8 e 6-7, andata e ritorno al meglio delle 5 gare;

    • 2^ Fase eliminazione diretta tra le vincenti della 1^ fase e le perdenti dei play off, andata e ritorno al meglio delle 5 gare

    • Final Four a eliminazione diretta tra le vincenti della 2^fase e le finaliste del campionato

  • Campionato a 8:

    • 1^ Fase eliminazione diretta tra 5-8 e 6-7, andata e ritorno al meglio delle 5 gare

    • 2^ Fase eliminazione diretta tra le vincenti della 1^ fase e le perdenti dei play off, andata e ritorno al meglio delle 5 gare

    • Final Four a eliminazione diretta tra le vincenti della 2^fase e le finaliste del campionato

*** Se la Coppa Italia non darà l’accesso all’ European Cup (ad Es si qualificano all’ European Cup la vincitrice della Regular Season e la squadra Campione d’Italia), potrà essere varata una nuova formula del torneo.

Nuova formula Coppa Italia

La vincitrice NON ACCEDE alla European Cup

  • Disputata prima della regular season

  • Concentramenti il primo turno

    • Final Four il secondo turno

  • In alternativa evento organizzato tipo European Cup

  • Evento da organizzato a livello promozionale, in località calde e nelle quali ci sono poche occasioni di vedere il massimo campionato

  • Le squadre devono essere ospitate dall’organizzatore

  • Coppa sperimentale per nuove regole

Coppa Italia campionato a 10 (non è attuabile nel 2020 se il campionato è strutturato su girone unico e la Nazionale partecipa alle Olimpiadi):

1° Turno

  • Le Ultime 2 squadre classificate nel campionato IBL precedente giocano un turno di qualificazione contro le 2 squadre promosse

  • Venerdì e sabato oppure sabato e domenica

  • N° 1 concentramento a 4 squadre tra le ultime 2 squadre classificate nel campionato IBL precedente giocano un turno di qualificazione con le 2 squadre ammesse alla IBL così articolato:

    • Girone all’italiana

    • Ogni squadra gioca 3 partite (ipotesi 7 inning)

    • Venerdì e sabato oppure sabato e domenica

    • Passano le prime 2 al 2° turno con le altre 6 squadre

2° Turno

  • Venerdì e sabato oppure sabato e domenica

  • N° 2 concentramenti a 4 squadre

    • Girone all’italiana

    • Ogni squadra gioca 3 partite (ipotesi 7 inning)

    • Passano alla Final Four le prime 2

Final Four

  • Venerdì e sabato oppure sabato e domenica

    • Eliminazione diretta sulle 9 riprese

    • Ipotesi di doppia eliminazione su 7 inning

Coppa Italia campionato a 8:

1° Turno

  • Venerdì e sabato oppure sabato e domenica

  • N° 2 concentramenti a 4 squadre

    • Girone all’italiana

    • Ogni squadra gioca 3 partite (ipotesi 7 inning)

    • Passano alla Final Four le prime 2

Final Four

  • Venerdì e sabato oppure sabato e domenica

    • Eliminazione diretta sulle 9 riprese

    • Ipotesi di doppia eliminazione su 7 inning

  • In alternativa creare un evento tipo European Cup, concentrato in 5 giorni e le squadre sono ospitate dall’organizzatore

Requisiti impianti di gioco

Ogni campo principale deve avere i seguenti requisiti:

  • Le dimensioni del campo di gioco devono essere ai almeno 98 metri lungo le linee di foul e di 122 metri al centro.

  • L’illuminazione del campo di gioco deve essere di almeno 700 lux (di media) in campo esterno e 1000 lux (di media) in campo interno.

  • Ogni campo dovrà avere una warning-track di almeno 5 metri (consigliati 8 per la zona degli esterni).

  • La recinzione, o muro, di fondo campo deve essere alta almeno 2 metri.

  • La recinzione, o muro, di fondo campo che va da palo di foul a palo di foul deve essere ricoperta interamente con protezioni di sicurezza imbottite approvate dalla FIBS per un’altezza minima di 2 metri; con le medesime protezioni vanno ricoperti interamente tutti i muri o parti in cemento presenti lungo le linee di foul e nel backstop; altresì vanno protetti, sia lungo le linee di foul che nel back stop, tutti i pali (sia di sostegno della recinzione, sia quelli dell’impianto d’illuminazione) fino ad un’altezza minima di 2 metri.

  • I pali di foul devono essere alti almeno 10 metri e di un unico colore (raccomandato il giallo).

  • Ogni stadio deve avere un’area bullpen per ciascuna squadra (o all’esterno del terreno di gioco o lungo la warning track) con una larghezza minima di 5 metri; ognuna di queste aree deve avere almeno due pedane per il riscaldamento in contemporanea di due lanciatori. I pali interni dei bullpen devono essere protetti con gommapiuma.

  • Ogni impianto deve essere dotato di teloni protettivi per il monte di lancio del terreno di gioco, per i monti dei bullpen e per ogni delle basi compresa casa base.

  • I dugout devono essere sufficientemente grandi da poter ospitare panche per far sedere 25-30 persone (12 metri minimo); davanti ad ogni dugout deve essere presente una struttura protettiva alta al massimo 1 metro (composta da un telaio ricoperto da gommapiuma e una rete a maglia libera).

  • Ogni campo deve essere dotato di uno spogliatoio per la squadra di casa (con stanza massaggi), di uno per la squadra ospite (con stanza massaggi), sufficientemente grandi da ospitare ognuno 30 persone, e di uno per gli arbitri (consigliati due).

  • Tabellone segnapunti che preveda almeno il nome delle squadre, o la possibilità di inserirlo anche con cartelli ad hoc, inning, successione punteggio, totale del punteggio, strike, ball, out, luce per segnalazione errore o valide (sono raccomandati anche totale valide ed errori).

  • Ogni campo deve essere dotato di 1 gabbia di battuta le cui misure seguano gli standard IBAF, 1 schermo per i lanciatori, 1 per il doppio gioco ed 1 per la prima base delle dimensioni richieste dalle norme IBAF.

  • Ogni impianto deve essere dotato di un locale infermeria/sala-antidoping (composta da una sala d’aspetto/segreteria ed un bagno) ad uso esclusivo.

  • In ogni impianto ci deve essere attrezzatura e materiale necessario (terra rossa) per provvedere ad asciugare e sistemare lo stesso in qualsiasi momento.

  • Postazione per almeno 3 classificatori dotata di tavoli, sedie, prese di corrente e collegamento internet ADSL wireless.

  • Tribuna stampa per i giornalisti dotata di tavoli, prese di corrente, sedie, collegamento internet ADSL wireless; la sala stampa deve essere messa a disposizione da un’ora prima della partita fino ad un’ora dal termine della stessa.

**** I requisiti di cui sopra possono essere derogati solo con l’assenso di almeno i 2/3 delle società iscritte al campionato di IBL.

Disposizioni particolari per le società della IBL

Oltre a quanto specificatamente previsto per i campi da gioco della Serie A Federale, è necessario rendere disponibile quanto segue:

  • Presenza linea ADSL funzionante

  • Possibilità di usufruire delle postazioni di lavoro per gli uffici Stampa e la Stampa locale per almeno un’ora dopo il termine della gara per l’inoltro dei servizi stampa ai media.

  • Indicazione di un referente che fornisca alla Stampa, ai telecronisti e ai radiocronisti, copia dei line-up e del roster aggiornato 15 minuti prima dell’inizio della gara

  • Individuazione di una zona coperta presso la quale allestire un angolo interviste

  • La inosservanza delle disposizioni di cui sopra dovranno essere segnalate agli organi competenti per le eventuali sanzioni del caso

  • A seguito di eventuale sponsorizzazione tecnica della categoria, le società saranno tenute:

  • All’uso esclusivo del materiale ufficiale

  • A rendere disponibile uno spazio lungo la recinzione linee di foul pari a mt. 3 per lato per ciascun sponsor/partner/fornitore ufficiale IBL

  • Ad indicare un referente per la gestione del punto vendita del merchandising, garantendo inoltre l’apertura a partire da un’ora prima dell’inizio della gara fino all’uscita del pubblico.

  • La inosservanza delle presenti disposizioni comporterà la esclusione della società dalla sponsorizzazione tecnica.

**** Le disposizioni di cui sopra possono essere derogate solo con l’assenso di almeno i 2/3 delle società iscritte al campionato di IBL.

Conclusioni

Le società che hanno predisposto questa proposta si pongono l’obiettivo di mantenere e consolidare nel tempo la qualità e la quantità di formazioni che partecipano al massimo campionato nazionale.

Si ritiene che una diversa formulazione che non contemperi:

  • In fase di analisi le esigenze dei diversi portatori di interesse,

  • In fase di sintesi i risultati attesi nel breve e nel medio periodo,

sia inaccettabile perché dannosa per l’intero movimento nazionale.

La seguente proposta è una risposta concreta alle istanze avanzate dai portatori di interesse sebbene non sia, da sola, sufficiente al perseguimento degli obiettivi dei singoli soggetti coinvolti.

Fortitudo Bologna

San Marino B.c.

Rimini B.c. 1949

Parma baseball

Novara B.c.

Padule B.c.

Padova B.c.

Nettuno baseball city

Rispondi