Ichiro Suzuki è il più vecchio della storia MLB a iniziare una partita all’esterno centro

Domenica 25 giugno i Miami Marlins  hanno schierato Ichiro Suzuki contro i Cubs di Chicago come primo in battuta ed esterno centro. Dal 1900 a oggi (la cosiddetta modern era del baseball) è il giocatore più anziano ad aver giocato come esterno centro titolare. Ichiro Suzuki è nato il 22 ottobre 1973 a Kasugai (Giappone), ha dunque 43 anni e 246 giorni. Toglie il primato a Rickey Henderson, che è nato il giorno di Natale del 1958 e giocò la sua ultima partita da titolare all’esterno centro per i Boston Red Sox il 24 luglio del 2002, a 43 anni e 211 giorni.

Una superstar in patria (3 titoli MVP, 7 All Star Game e una media vita di .353 con gli Orix Blue Wave (oggi Orix Buffaloes), Ichiro è stato il primo position player giapponese a firmare un contratto di Major League (3 anni e 13 milioni) quando nel novembre del 2000 ha raggiunto un accordo con i Seattle Mariners. Oggi è il simbolo assoluto del giocatore che batte per il contatto e sfrutta sia una velocità formidabile che un braccio senza eguali. Oltre che per i Mariners, ha giocato per gli Yankees di New York, ai quali si era trasferito durante la stagione 2012, e per i Miami Marlins, che lo hanno ingaggiato nel 2015. In 2563 partite in Grande Lega ha battuto 3.049 valide, con una media vita di .312. Non è un battitore di potenza, ma ha ottenuto comunque 116 fuoricampo.
Ichiro Suzuki è stato grande protagonista della vittoria del Giappone nel World Baseball Classic 2006.

Ichiro Suzuki dopo la vittoria del World Baseball Classic 2006

Nella storia delle Grandi Leghe ci sono solo 2 battitori con oltre 4.000 valide: Pete Rose (4.256) e Ty Cobb (4.191). Anche il club di chi ne ha ottenute 3.000 o più è abbastanza ristretto: si tratta di 29 atleti. Ichiro (che ha battuto la valida numero 3.000, un triplo, il 7 agosto 2016 ed è l’ultimo giocatore ad avere superato questa pietra miliare) si lascia alle spalle personaggi del calibro di Lou Brock, Cap Anson (il primo a infrangere la barriera il 18 luglio 1897), Wade Boggs, Al Kaline e Roberto Clemente, che si fermò a 3.000 tonde. Potrebbe presto superare Rod Carew, Rickey Henderson, Craig Biggio e puntare a Dave Winfield, Alex Rodriguez e Tony Gwinn entro la stagione.

Rispondi