Le parole di Maduro sulla nazionale di baseball provocano un’interrogazione parlamentare

L’attacco del Presidente del Venezuela Maduro alla nazionale di baseball che ha partecipato al World Baseball Classic (“pensavo di giocare contro gli USA”) è finito in Parlamento. Sollecitato dal Consigliere Federale Totoni Sanna, il Senatore Giuseppe Luigi Cucca ha infatti interrogato il Ministro Luca Lotti.
Nella foto di copertina (da sinistra) Maduro, Sanna e Cucca.

“Le regole e i criteri di eleggibilità dei giocatori sono stabiliti e controllati dalla World Baseball Classic Inc, costituita dalla Major League Baseball (MLB), dalla MLB Players Association (MLBPA) e dalla World Baseball Softball Confederation (WBSC, la Federazione mondiale)” si legge nella interrogazione e “le regole sono state pienamente rispettate dall’Italia”.
Il Senatore Cucca fa riferimento anche alla nota stampa diffusa dal Presidente della Federazione Italiana Andrea Marcon.

Sottolineando come “nessuna eccezione di irregolarità” sia stata sollevata “dalle autorità preposte circa la formazione italiana” e constatando che ” a oggi il nostro Paese e la nostra nazionale non hanno ricevuto scuse ufficiali, né informali dalle autorità venezuelane”, il Senatore Cucca mette in risalto come “le affermazioni del Presidente Maduro” rappresentino “uno sgradevole e grave precedente, che infanga la nazionale italiana, sia a livello internazionale, che nel nostro Paese, arrecando danno all’immagine e all’indotto determinato dal baseball in Italia”.
Con l’interrogazione dunque il Senatore Cucca chiede di sapere dal Ministro Lotti quali siano le sue “valutazioni in merito” e “quali iniziative di propria competenza intenda adottare, per tutelare lo sport italiano e l’onorabilità del nostro Paese, sia a livello internazionale, che nazionale”.

Rispondi