Nella seconda giornata del World Baseball Classic spicca la sfida tra Cuba e Giappone

John McLaren manager della Cina (da MLB.com)È iniziata con il botto la quarta edizione del World Baseball Classic. A Seul, in Corea del Sud, infatti, Israele ha sconfitto i più quotati padroni di casa per 2-1 al decimo inning al termine di una partita avvincente, nella quale hanno brillato le difese e i monti di lancio di ambedue le squadre.

La selezione europea sarà tra poche ore (4.00 del mattino italiane) di nuovo in campo contro Taiwan, all’esordio nel girone A. Poco più tardi, inizierà il torneo anche del Regno dei Paesi Bassi che si troverà di fronte una Corea del Sud già con le spalle al muro dopo la sorprendente sconfitta mattutina. In caso di nuovo KO contro gli ”Orange”, gli asiatici sarebbero praticamente a un passo dall’addio alla manifestazione.

I riflettori sono però tutti puntati sull’inizio del girone B che a Tokyo, in Giappone, propone già un grande big-match, ovvero la sfida tra i padroni di casa, favoriti nonchè 2 volti vincitori del Classic, e Cuba, presente al via senza i giocatori che militano in Major League.

Le altre 2 formazioni che compongono il raggruppamento, ovvero l’Australia degli ex Fortitudo Bologna Trent Oeltjen e Ryan Searle e la Cina dell’ex coach dell’Italia John McLaren.

Rispondi