ALTRO RINFORZO SUL MONTE DI LANCIO: PRESO OZANICH!

Il pitcher della Nazionale Francese è il terzo acquisto dei Pirati in vista della nuova stagione 2019

di Simone Drudi. La Società Rimini Baseball del Presidente Pillisio annuncia l’ingaggio del lanciatore francese Owen Ozanich (23/06/1989) che dopo 8 stagioni di successi lascia i Campioni di Francia dei Rouen Huskies per approdare nel baseball italiano.

Ozanich è un pitcher destro nato a Annemasse (Francia) che nei mesi scorsi aveva già accettato la proposta della dirigenza riminese salvo poi avere un ripensamento. Ma proprio nelle ultime ore, il neo acquisto dei Pirati ha avuto un colloquio decisivo col Presidente degli Huskies Xavier Rolland che ha accettato seppur a malincuore la sua richiesta di voler misurarsi a tutti i costi nel campionato italiano con la casacca dei Pirati. La stella del baseball francese ha ottenuto nel campionato transalpino 93 vittorie personali a fronte di sole 15 sconfitte in 831 inning lanciati mettendo a segno ben 748 strike-out per una media Pgl di appena 1.53 (142 basi per ball concesse).

Leggi tutto “ALTRO RINFORZO SUL MONTE DI LANCIO: PRESO OZANICH!”

Mi vendo!

di Giuliano Masola. Penso che atanti verrà in mente la bella canzone di Renato Zero lanciata nel 1977 (già ilfatto che sia stata lanciata la fa apprezzare un po’ di più). Il testo ponemolti interrogativi cui non è facile rispondere, per cui è bene restare fra lenostre quattro basi. Com’è noto, l’abilità principale di un venditore è quelladi vendere se stesso. Nel 1920, Charles Franklin Welck, dopo una breveapparizione nei Detroit Tigers nel 1917, a soli 25 anni era uno dei proprietaridei Rocky Mountain Tar Heels (trasponendo liberamente, i Lustrascarpe delleMontagne Rocciose). Non solo, poiché nello stesso anno, con una media battutadi .369, con 12 tripli e 42 punti battuti a casa a metà campionato, era ilmiglior giocatore della squadra, nella Virginia League. Saputo che iPhiladelphia Athletics, ultimi in classifica nella American League, erano allaricerca di giovani talenti, scrisse una lettera dattilografata a Connie Mack,proprietario degli Athletics, esaltando le abilità di un esterno che si chiamava,manco a farlo apposta, Frank Walker. Mack, bene impressionato dalle referenze,staccò un assegno di 5000 dollari per acquisire il contratto di Walker, che,prima di lasciare la sua città, pensò bene di depositare in banca. Nelle 24partite giocate con la squadra di Philadelphia in quell’anno, la sua media battutafu di solo .231, scendendo a .227 nelle 19 partite giocate nel 1921. Inrelazione a ciò, tornò alla sua squadra d’origine come giocatore e in parteproprietario; successivamente ne divenne il manager. Nel 1924, Walker fu ancorauna volta il miglior battitore della Virginia League con una media battuta di.370 e 50 basi rubate. Questa volta ebbe una offerta dagli Yamkees di 11 miladollari, ma fini per accordarsi coi New York Giants per 15 mila. La suacarriera si concluse nel 1925 con un media di .222 in 39 partite. Ancora unavolta dovette abbandonare le MMLL per andare nei Greenville Spinners (SouthCarolina), nella Athlantic League, dove restò per quattro anni. Fu il classicobattitore da Leghe Minori: nel 1929, due anni prima di ritirarsi, la sua media fudi .372. Una volta smessa la divisa, restò nel mondo del baseball. Nel 1962,per esempio, prese le redini dei Rocky Mount Leafs, una squadra di uncampionato minore della Carolina, assieme a Walter F. “Buck” Leonard, che erastata una stella delle Negro Leagues, associandosi prima ai Washington Senatorse poi ai Detroit Tigers. La storia di Frank Walker, scomparso nel 1974, puòessere per certi aspetti esemplare. Era un bravo battitore, ma non tanto da farfronte ai lanciatori di Major League: il classico “minor leaguer” Dal punto divista agonistico, tanti sono i casi come il suo, poiché il salto fra le LegheMinori e quelle Maggiori, o comunque le si chiami, non è banale. Per certiaspetti, Alex Liddi, il primo italiano a giocare e a realizzare un fuoricampoin Major League, vestendo la casacca dei Seattle Mariners nel 2011, potrebberappresentarne un parallelo. La media battuta di Alex, che poco prima didebuttare nelle Majors aveva raggiunto .345, però non è mai stata elevata: .208in 61 partite. Di conseguenza è stato mandato in campionati minori, prima di diventare“free agent” e approdare alle leghe messicane, dove ha saputo farsi valere,vincendo due campionati nazionali, oltre a quello Caraibico, ancora piùimportante.

Leggi tutto “Mi vendo!”

Il bilancio di stagione e l’occhio al futuro del presidente Ivan Ferrarini

Il 2018 è stato chiuso emesso alle spalle con la consueta cena sociale tenutasi sabato sera alla presenza di autorità istituzionali amministrative e sportive.  Il bilancio del presidente Ivan Ferrarini: «Abbiamo fatto tante coseche hanno richiesto uno sforzo organizzativo e da questo punto di vistacerchiamo sempre di fare meglio, grazie anche agli sponsor. La squadra maschileha fatto un ottimo campionato, all’inizio lottava per la testa del girone,tenuto conto della giovanissima età: il terzo posto deve essere un trampolinodi lancio.

Leggi tutto “Il bilancio di stagione e l’occhio al futuro del presidente Ivan Ferrarini”

Italia Softball: le convocate per gli impegni della Nazionale in Australia

Con il 2018 ormai ai saluti, in casa Italia Softball è tempo di pensare ai primi impegni ufficiali del nuovo anno che daranno il via ad un 2019 molto intenso dove le ragazze di Enrico Obletter tenteranno il doppio assalto al titolo europeo e al pass per Tokyo 2020. Come già nel 2018, le azzurre inizieranno il loro percorso dalla ‘Terra dei Canguri’ dove però raddoppieranno i propri impegni rispetto allo scorso gennaio. Oltre alla Asia Pacific Cup (31 gennaio-3 febbraio), le azzurre prenderanno parte alla Summer Slam Competition (4-6 febbario).

La vera novità è la Summer Slam Competition, un evento che presenterà una versione più compatta e ridotta delle consuete partite di softball, lanciata e voluta dalla Federazione Australiana e per la quale è prevista la copertura televisiva integrale con la messa in onda in prima serata su tutto il territorio australiano. Una versione del softball mirata a dare sempre più peso al divertimento e al coinvolgimento del pubblico presente e di quello davanti agli schermi della tv riducendo i tempi ‘morti’ e velocizzando il gioco in favore dello spettacolo.

Leggi tutto “Italia Softball: le convocate per gli impegni della Nazionale in Australia”