Muro contro muro: otto no alla Mignola bis

La battaglia continua.
Federbaseball e società di Ibl sembrano allontanarsi sempre più in un drammatico balletto attorno al letto di un baseball italiano che non gode di grande salute.
Inutile giraci intorno: il secondo “NO” delle otto partecipanti al massimo campionato alle proposte di riforma inviate alle loro sedi dalla Federazione suona come un campanello d’allarme che non dovrebbe essere sottovalutato.
Questa volta le società non si sono limitate a contestare il metodo ma hanno anche lasciato intendere, pur senza entrare nei dettagli, di avere trovato un programma comune per lo sviluppo dell’attività nelle prossime stagioni che prescinde da formule e regolamenti.

Leggi tutto “Muro contro muro: otto no alla Mignola bis”

Lettera dalla Calabria “Summer League”

di Giuliano Masola. La Summer League è stata la naturale conseguenza della “Canny Fest” di cui abbiamo parlato precedentemente; Sstante l’importanza, si sta già pensando di festeggiarne il 25° anniversario l’anno prossimo. Si tratta di un campionato che si svolge nell’arco di poche settimane; occorre tener conto, infatti, che le vacanze, per chi non è del posto, durano dalle due alle tre settimane.

Leggi tutto “Lettera dalla Calabria “Summer League””

Lettere dalla Calabria – “Canny Ball”

di Giuliano Masola. Cannitello è una piccola frazione di Villa San Giovanni, pochi chilometri a sud di Scilla. Ha di fronte l’antica Cariddi (Capo Peloro); la“banchina” – una piccola protuberanza rocciosa – fa da confine fra il Tirreno e lo Jonio. Si trova nel punto del Continente più vicino alla Sicilia ed è anche quello di arrivo dell’annuale Traversata a nuoto dello Stretto (dalla Sicilia alla Calabria, a causa delle correnti, e non viceversa, come qualche moderno millantatore ha voluto dare a bere). Da tanti anni, questo piccolo borgo, fino alla Seconda guerra mondiale reso ricco dalla filatura della seta, è il luogo del mio annuale “buen retiro”.  Il tempo incide anche sui costumi di un piccolo paese con le case sulla spiaggia, per cui anche i riti, religiosi o meno, risentono del modificarsi dei costumi e perdono l’antica freschezza e capacità di coinvolgimento. Il mare è bello, piatto solo nel momento in cui le correnti, ascendente e discendente, si fronteggiano, prima di scambiare il loro moto. La vita da spiaggia, per quanto bella, tende alla monotonia, a uno scimmiottamento del quotidiano: al posto di giacca e cravatta, ci sono costume, ombrellone, sedia, sdraio, e la valigetta è sostituita dalla piscinetta – “Che barba… che noia”, come diceva l’impareggiabile Sandra Mondaini.

Leggi tutto “Lettere dalla Calabria – “Canny Ball””

In scena

di Giuliano Masola. Si fallisce in tanti modi; uno di questi è cominciare a fingere, indossare la maschera, anche se non è Carnevale. Si tratta del sintomo di un crollo morale, dell’ammissione di inadeguatezza, della ricerca di un orgoglio che più non c’è. Ognuno di noi ha una sua parte, deve andare in scena, baseball compreso. Da attori non professionisti tentiamo di recitare a soggetto, di comprendere bene il perché della nostra parte. Eppure una ce l’abbiamo e cerchiamo di interpretarla come siamo capaci. Poiché la scena è ampia è difficile cogliere ogni particolare, ma dal nostro angolo di osservazione ci proviamo. Non abbiamo un vero copione, sappiamo più o meno cosa ci aspetta e non sempre comprendiamo cosa ci si aspetta da noi. Il baseball non è una telenovela, anche se in alcune occasioni presta il fianco a esserlo. E’ contestualmente commedia e tragedia e passa dall’una all’altra condizione ,in un attimo. Per molti una partita di baseball è noiosa.

Leggi tutto “In scena”

Un giorno di mezza estate

di Giuliano Masola. Ci sono tanti modi per cominciare la giornata, uno è quello di ascoltare le ultime notizie, normalmente non belle, se non inquietanti. L’altra è quella di guardarsi i risultati delle partite di Major League; un’altra ancora può essere quella di leggersi le ultime dallo spazio. Insomma, la giornata può anche cominciare bene, non tanto distogliendo l’attenzione da quanto ci accade intorno e che ci costringe a pensare ogni giorno di più alla nostra fragilità umana, quanto per iniziare con qualcosa di positivo.

Leggi tutto “Un giorno di mezza estate”