Italian Baseball Series: inizia la serie per l’assegnazione dello Scudetto tra San Marino e Rimini

Fibs. Si aprono domani sera, venerdì 1 settembre, alle 20.30 sul diamante di Serravalle, con immediata replica per gara2 sabato 2 settembre, le finali per l’assegnazione dello Scudetto dell’Italian Baseball League che metteranno di fronte la T&A San Marino ed il Rimini. Un derby non nuovo per le Italian Baseball Series considerato che si presenta per la terza volta negli ultimi 6 anni. Un derby che in finale, fino ad oggi, ha sorriso alla T&A uscita vincitrice e con il tricolore sul petto in entrambe le due precedenti occasioni (2012 e 2013).

Le Italian Baseball Series 2017 vedono da una parte la T&A San Marino che torna ad assaporare il gusto delle finali a 4 anni di distanza dall’ultima volta e arriva, dopo una regular season in cui si è lasciata sfuggire la prima piazza solo all’ultima giornata, da una serie di semifinale molto convincente e chiusa in sole 3 gare contro il Nettuno, dall’altra il Rimini, la certezza del batti e corri italiano degli ultimi anni con la sesta finale consecutiva, che ha firmato il colpo grosso in questi playoff eliminando la principale favorita UnipolSai Bologna al termine di 5 partite molto tirate e conquistando il passaggio del turno nella tana del lupo.
Il bilancio stagionale tra le 2 squadre romagnole sorride alla T&A San Marino, con 4 vittorie in 6 incontri, ma come sottolineato da entrambi i manager una finale fa storia a se e anche i numeri delle semifinali che parlano di Pirati più produttivi nel box (con una media di .262) e una T&A dominante sul monte (1.16 mpgl) lasciano il tempo che trovano.

“Ho visto i miei ragazzi con la giusta serenità e determinazione, siamo pronti, poi sarà il campo a dare la sentenza” attacca Marco Nanni manager del San Marino. “A marzo, aprile tutti davano Rimini e Bologna come favorite, poi noi abbiamo fatto una super regular season ed è giusto che le nostre quotazioni da favoriti siano riviste verso l’alto, però penso che una finale sia sempre equilibrata e in questo momento Rimini sta esprimendo il baseball che tutti si aspettavano”. In un’analisi delle 2 squadre in campo Nanni sottolinea: “Il nostro punto di forza sono la capacità di giocare queste partite, ho tanti campioni che hanno giocato queste finali e sanno come affrontarle, e la profondità del bullpen e della panchina. Rimini ha nella qualità dei suoi lanciatori partenti, Rosario e Richetti, e nel loro entusiasmo i cardini. Se poi devo fare un nome del loro roster dico Infante perché sa come si giocano queste finali”.

Gli fa eco Paolo Ceccaroli che non si discosta molto dalle parole del collega analizzando le forze in campo: “Le migliori qualità del San Marino sono il monte di lancio, per qualità e quantità, e l’essere una squadra quadrata. Anche noi possiamo contare su un monte di lancio di qualità e su una buona difesa, poi abbiamo questa grande capacità di tirarci fuori dalle situazioni difficili come mostrato nelle semifinali con Bologna”. Per Ceccaroli poco importa che queste Italian Baseball Series siano un derby: “Li ho vissuti anche da giocatore, quando però San Marino non era ancora lo squadrone degli ultimi anni. E’ un derby geografico, ma alla fine sono solo 2 squadre delle 3-4 migliori del campionato che si giocano il titolo. Lo spirito con cui ci avviciniamo è quello giusto, veniamo da una bella vittoria in casa dei Campioni d’Italia in carica. Dovremo mantenere lo stesso modo di affrontare le partite”.

Già decisi da entrambe le parti i lanciatori partenti per le prime 2 partite: venerdì sera si affronteranno Quevedo e Rosario, sabato in gara2 sarà la volta di Florian e Richetti. In casa San Marino tutti disponibili compresi Epifano, ancora in via di recupero da un infortunio, e Ascanio, leggermente affaticato. Nelle fila del Rimini il manager dei Pirati spera di recuperare Caceres, assente nella serie di semifinale.

Playball di gara1 alle 20.30 con diretta, come per tutte le altre partite dell’Italian Baseball Series, sulle piattaforme di San Marino RTV e sulla webTV specializzata PMG Sport.

Rispondi