Muro contro muro: otto no alla Mignola bis

La battaglia continua.
Federbaseball e società di Ibl sembrano allontanarsi sempre più in un drammatico balletto attorno al letto di un baseball italiano che non gode di grande salute.
Inutile giraci intorno: il secondo “NO” delle otto partecipanti al massimo campionato alle proposte di riforma inviate alle loro sedi dalla Federazione suona come un campanello d’allarme che non dovrebbe essere sottovalutato.
Questa volta le società non si sono limitate a contestare il metodo ma hanno anche lasciato intendere, pur senza entrare nei dettagli, di avere trovato un programma comune per lo sviluppo dell’attività nelle prossime stagioni che prescinde da formule e regolamenti.

Cade così l’accusa – ventilata ad arte sui social – nei loro confronti di essere contrarie a prescindere: per le società dell’Italian Baseball League mancano nel progetto presentato dall Fibs gli obiettivi e i piani di supporto economico necessari per procedere ad una rivoluzione nell’organizzazione dei campionati.
Fondamentale la loro disponibilità ad affrontare i temi in una riunione collegiale, legittime anche le loro richieste di posticipare l’incontro al termine della stagione e di riservarlo alle squadre aventi diritto quando si conosceranno i nomi delle società partecipanti al massimo campionato.

A questo punto non rimane che augurarsi che il muro contro muro abbia fine e che gli attori di ambo le parti si siedano attorno a un tavolo per stabilire le regole del campionato, trovare comuni opportunità e supporti economici per il rilancio di un prodotto che riveste sempre meno appeal per sponsor e tifosi.
I risultati sono sotto gli occhi di tutti: nel 2017 il baseball e il softball italiani non hanno goduto di alcun passaggio televisivo e, a parte il brevissimo (e illusorio) effetto derivante dal World Baseball Classic, hanno suscitato interesse soltanto sui media specializzati e sui quotidiani locali. I risultati delle nazionali maggiori e giovanili non hanno creato alcun effetto-traino, anzi: tornare alla ribalta delle cronache sportive nazionali solo per la diaspora delle società del massimo campionato è un rischio che l’intero movimento, soprattutto chi è stato chiamato a dirigerlo, non può permettersi di correre.

 

Ecco il testo del comunicato stampa recapitato alla nostra redazione dalle società dell’Italian Baseball League

 

COMUNICATO STAMPA

Oggetto: seconda proposta della FIBS di modifica campionati baseball seniores 2018-2020

Le società A.S.D. SAN MARINO BASEBALL CLUB, FORTITUDO BASEBALL CLUB 1953 S.S.D., A.S.D. NETTUNO BASEBALL CITY, S.S.D. ARL BASEBALL NOVARA, 1949 PARMA BASEBALL CLUB A.S.D., A.S.D. RIMINI BASEBALL, POLISPORTIVA PADULE BAS. A.S.D. e A.S.D. PADOVA BAS. SOFT. CLUB, in ordine all’oggetto dichiarano quanto segue.

Ricevuta in data 4 agosto 2017 dalla Federazione Italiana Baseball Softball una seconda proposta di modifica dei campionati di baseball seniores, le società di IBL hanno ribadito all’unanimità, dopo una riunione collegiale, la censura già sollevata in ordine alla modalità con la quale la Federazione continua ad affrontare il tema della riforma dell’attuale Italian Baseball League, dimostrandosi sorda ai chiari segnali di apertura giunti dalle dette società per un dialogo ed un confronto costruttivo.

Tutte le società partecipanti al campionato di IBL hanno nuovamente manifestato unanime contrarietà sui contenuti del secondo progetto di riforma in quanto non emergono – come precedentemente richiesto – le finalità e gli obiettivi proposti per il prossimo triennio.

Le sottoscritte società nei mesi scorsi hanno comunque condiviso idee, prospettive e programmi per il futuro ed hanno altresì individuato portatori di interessi (FIBS, Società sportive che partecipano o che hanno intenzione di partecipare alla IBL; Atleti e Tecnici; Sponsor; Supporters; Comunità; Società che svolgono attività senior e giovanile) ed obiettivi per una futura riforma.

Secondo le società attualmente partecipanti all’Italian Baseball League gli obiettivi, talvolta differenti per ogni singola tipologia di portatore di interessi, possono essere sinteticamente così individuati:

Federazione
rafforzamento della squadra nazionale con la finalità di partecipare alle future edizioni dei giochi olimpici; aumentare la diffusione del baseball al fine di incrementare il numero di tesserati (difesa delle quote). Ottimizzazione dei rapporti con i media.

Società sportive che partecipano o che hanno intenzione di partecipare alla IBL
sostenibilità economica (pareggio di bilancio); possibilità di programmazione a medio termine; possibilità di competere alla pari con gli altri.

Società che svolgono attività seniores e giovanile
Avere nelle società di IBL un punto di arrivo per i propri atleti di maggior prospettiva; creare sinergie con le società di IBL sotto il profilo tecnico, commerciale, di immagine …

Atleti e Tecnici
potersi esprimere a livelli tecnici omogenei al fine di evidenziare le capacità e le qualità di ciascuno, uniformando maggiormente i fini retributivi e il potenziale interesse per le squadre nazionali.

Sponsor
ottenere un livello di diffusione del proprio marchio adeguato agli investimenti effettuati.

Supporters
assistere a gare mediamente attrattive e non troppo lunghe; godere di impianti nei quali siano disponibili i servizi base (sanitari, ristorazione, merchandising, visione ottimale del campo di gioco …); individuazione di strumenti per poter seguire la propria squadra anche in trasferta.

Comunità
creare un senso di appartenenza della squadra al territorio e viceversa.

Per quanto riguarda la riunione tra tutte le società che la FIBS intenderebbe indire entro il 31 agosto coinvolgendo le società attualmente partecipanti al campionato di serie A Federale, le società di IBL manifestano la loro disponibilità ad un incontro ritenendo però opportuno che questo sia programmato dopo la conclusione dei campionati e che lo stesso avvenga tra la Federazione e le sole società che avranno maturato il diritto a partecipare al campionato. In questo modo le decisioni saranno assunte – con conseguente assunzione di responsabilità – dalle società che effettivamente dovranno sostenere il programma e l’investimento prospettato.

A.S.D. SAN MARINO BASEBALL CLUB

A.S.D. BASEBALL PARMA

FORTITUDO BASEBALL CLUB 1953 S.S.D.

A.S.D. RIMINI BASEBALL

A.S.D. NETTUNO BASEBALL CITY

POLISPORTIVA PADULE BAS. A.S.D.

S.S.D. ARL BASEBALL NOVARA

A.S.D. PADOVA BAS. SOFT. CLUB

Rispondi