Chiacchiere

di Giuliano Masola. “Chats”, chiacchiere. Se ne fanno tante, in ogni dove e per qualsiasi argomento. Faccio parte di una razza in via di estinzione, me ne rendo conto. Faccio fatica ad assuefarmi ai nuovi mezzi, al nuovo modo di chiacchiere via internet; fino a non molti anni fa, bastava trovarsi al bar, ma era l’età della pietra, o giù di lì. La tecnologia ci ha messo a disposizione tanti mezzi per interconnetterci, al di là della nostra volontà. Basta avere un numero di telefono ed è fatta. Nel caso più semplice si tratta di messaggi, più che di vere chiacchiere. Le cose serie, per così dire, si hanno con strumenti molto potenti, come Facebook e What’s up. Finché si chiacchiera intorno a un tavolo o a un bigliardo non emergono particolari problemi, a meno che qualcuno non abbia voglia di attaccar briga. Con i mezzi tecnologici la cosa si fa più seria, poiché le dichiarazioni di ognuno possono rimbalzare in tutto il mondo in pochissimo tempo. Il rischio di scambiare lucciole per lanterne si moltiplica a dismisura, riproponendo la domanda di sempre: “quale è la verità” (dai nostri vecchi sappiamo che “morì fanciulla”).

Leggi tutto “Chiacchiere”

LONG JOHN

di Giuliano Masola. Penso molti abbiano letto “L’isola del tesoro” di Louis Stvenson (Treasure Island, 1883), oltre ad averne vista una delle tante versioni cinematografiche; chi ha più o meno la mia età, avrà forse visto lo sceneggiato televisivo del 1959 diretto da Anton Giulio Majano. Si tratta di un romanzo avvincente, dal ritmo incalzante. Penso di non sbagliare, dicendo che il personaggio più affascinante è quello di Long John Silver, il vecchio quartiermastro e cuoco, che si appoggia a una stampella a causa dell’amputazione di una gamba, assieme al suo pappagallo – capitan Flint – quasi sempre appollaiato sulla sua spalla.

Leggi tutto “LONG JOHN”

Giorni di gloria

di Giuliano Masola. Bruce Springteen non ha bisogno di presentazioni, basta ricordare il suo mitico album “Born in the U.S.A.”, pubblicato  nel 1984. Tutti conoscono Springsteen come un artista impegnato a evidenziare le criticità del proprio paese e la sua continua azione contro la guerra. Nella raccolta è inserita “Glory days”, una canzone in cui Bruce parla di un amico dei tempi della scuola. Nel testo il nome non è menzionato e per anni ci si è affannati per trovare questo personaggio. Finito quel periodo scolastico, infatti, le strade dei due compagni di squadra si erano separate. Solo anni dopo, occasionalmente, mentre Bruce esce da un bar, incrocia l’amico di un tempo, si fermano e cominciano a parlare delle esperienze passate insieme alla Scuola Santa Rosa da Lima (New Jersey); restano insieme fino alla chiusura del locale. “Avevo un amico/ che era un grande giocatore di baseball/ ai tempi delle scuole superiori riusciva a lanciarti la palla in una maniera/ che ti faceva fare la figura dello stupido/ l’ho visto l’altra notte/ in questo bar sulla strada/ stavo entrando, mentre lui usciva/ siamo rientrati, ci siamo seduti/ abbiamo bevuto qualcosa…”.

Leggi tutto “Giorni di gloria”

E’ questa la massima serie del futuro?

 

 

Parma, stadio Nino Cavalli. Ore 16 del 22 luglio. Regular Season 2017, partita Parma Clima – Recotech Padule.
Spettatori 43.

Avevamo voglia di cavarcela con un senza parole da Settimana Enigmistica.
Poi abbiamo fatto una semplice ricerca utilizzando la pagina del CNC sul sito www.fibs.it

Leggi tutto “E’ questa la massima serie del futuro?”

Un po’ di riposo?

di Giuliano Masola. “Chi si dedica agli esercizi fisici non si preoccupa soltanto della forma e dell’allenamento, ma anche al momento giusto del riposo – ritengono infatti sia la parte più importante della pratica atletica…”. Si tratta dell’incipit delle “Storie vere” di Luciano di Samosata (morto nel 180-190 d. C.).

Leggi tutto “Un po’ di riposo?”