Portorico e Stati Uniti a Los Angeles, la Repubblica Dominicana è fuori

Dalla fase americana del World Baseball Classic sono emerse Portorico e Stati Uniti. Le 2 qualificate alle semifinali di Los Angeles sono espressione del girone della seconda fase giocato negli USA a San Diego (California), che ha espresso grande baseball e ha visto rimanere al palo la Repubblica Dominicana, squadra Campione in carica.

La Repubblica Dominicana e gli Stati Uniti si erano qualificate dal girone di Miami (Florida). I Campioni in carica hanno chiuso la prima fase imbattuti, ma hanno vissuto una giornata veramente tranquilla solo contro il Canada. Con la Colombia hanno vinto con un margine largo (10-3) ma il divario lo hanno creato solo al secondo supplementare e dopo aver evitato la sconfitta al nono e contro gli Stati Uniti hanno vinto (7-5) in rimonta dopo essere finiti sotto 5-0.
La Colombia ha nobilitato la sua partecipazione impegnando ai supplementari anche gli USA e conquistando il diritto a rimanere nel tabellone principale del torneo in vista dell’edizione 2021 grazie al successo (4-1) sul Canada. I nord americani dovranno ripartire dalle qualificazioni.

Il manager azzurro Marco Mazzieri parla con il coach Sal Butera

Dal girone disputato all’Estadio Charros de Jalisco di Guadalajara (Messico) provenivano Portorico (imbattuto) e Venezuela (qualificatosi dopo un emozionante spareggio con l’Italia.
Gli azzurri avevano iniziato il Classic con una clamorosa rimonta: da 5-9 a 10-5 nell’ultima ripresa con i padroni di casa del Messico e avevano sfiorato una nuova grande impresa contro il Venezuela: in quel caso la rimonta si era fermata sul 10-10 con l’out a casa base del designato italiano Butera (Royals) e poi il Venezuela aveva segnato al decimo il punto decisivo. Il rammarico per l’Italia viene prima di tutto dal fatto che l’out su Butera è arrivato al termine di un’azione orchestrata male dalla difesa avversaria, con il lanciatore Francisco Rodriguez venutosi a trovare in una posizione inusuale ma alla fine perfetta per ottenere l’out a casa base. L’Italia aveva inoltre iniziato alla grande la partita, arrivando a condurre 5-0. I rilievi azzurri non sono però riusciti a mantenere il vantaggio.
Lo spareggio ha visto l’Italia condurre in testa tutta la gara e il Venezuela capace di rimontare al nono grazie alle sue stelle Miguel Cabrera (fuoricampo del pareggio), Odor (punto del vantaggio spinto a casa con una battuta al limite del fuoricampo) e Alcides Escobar (squeeze play perfetto per il 4-2 e miracolo difensivo al cambio campo per ottenere il primo out).
L’Italia è uscita dal torneo con i complimenti di tutti e ben 10 fuoricampo battuti: dal sorprendente Andreoli (3), Liddi, Butera (2 a testa), Segedin, Nimmo e Colabello.
Il manager Marco Mazzieri, al suo ultimo appuntamento sulla panchina della nazionale, non ha fatto mister di rimpiangere i tanti assenti del monte di lancio, primo tra tutti il veterano Jason Grilli.

A San Diego il Venezuela non ha vinto una partita. Portorico ha mantenuto l’imbattibilità sia contro la Repubblica Dominicana che contro gli Stati Uniti e proprio la partita di sabato notte tra i Campioni in carica e i padroni di casa ha deciso l’ultima finalista. La Dominicana è passata per prima in vantaggio, ha sprecato per 2 volte (secondo e quinto inning) i corridori in seconda e terza e meno di 2 eliminati e poi si è arresa (6-3 il finale) alle prodezze di Giancarlo Stanton (chilometrico fuoricampo da 2 punti) e Adam Jones (presa pazzesca che ha tolto un fuoricampo a Machado, che con Jones gioca nei Miami Marlins).
Portorico se la vede questa notte con il Regno dei Paesi Bassi e si affida, oltre che al suo potentissimo line up, al partente Jorge Lopez dei Brewers.
Nella notte tra martedì e mercoledì gli Stati Uniti, rinforzati dal lanciatore partente Tanner Roark (Nationals) e dal closer Mark Melancon (Giants), affrontano in semifinale il Giappone. Proprio i Samurai fecero fuori il Team USA in semifinale nel 2009, unica edizione del torneo in cui Stati Uniti si sono piazzati tra le prime 4.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *